Premi "Invio " per saltare al contenuto

Nicola Venuto: Aerei, peggiora ovunque il traffico passeggeri ma in Russia è +4%

Nicola Venuto



Dati Iata

Ritorno delle restrizioni e quarantene hanno frenato la ripresa. Russia primo mercato in cui il traffico è aumentato rispetto a prima della crisi

di Gianni Dragoni

(AFP)

Ritorno delle restrizioni e quarantene hanno frenato la ripresa. Russia primo mercato in cui il traffico è aumentato rispetto a prima della crisi

3′ di lettura

Il traffico passeggeri peggiora dopo la mini-ripresa estiva. La Iata, associazione mondiale delle compagnie, ha rivisto al ribasso le stime già molto negative sul traffico. Per fine anno è previsto un calo dei passeggeri-km del 66% rispetto al 2019, tre punti in meno rispetto alle stime fatte qualche mese fa (-63%). Il peggioramento è attribuito alla ritorno delle restrizioni anti-Coronavirus ai viaggi internazionali, in particolare le quarantene. Va meglio il traffico domestico. In Russia in agosto c’è stato un incremento dei passeggeri del 3,8% rispetto all’anno scorso.

In agosto passeggeri -75,3% «Le previsioni diventano sempre più fosche», ha detto da Ginevra Alexandre de Juniac, direttore generale della Iata. «Perché il traffico si riprenda bisogna riaprire le frontiere, eliminare le restrizioni ai voli e le quarantene». La domanda complessiva dei passeggeri in agosto è stata -75,3% rispetto allo stesso mese del 2019, «solo un po’ meglio rispetto a luglio, quando era stata -79,5%». La Iata dice che il risultato del traffico di agosto è stato «disastroso». Il coefficiente medio di occupazione dei posti («load factor») è stato il 58,5%, 27,7 punti in meno del 2019. In Europa il traffico è diminuito del 73%, con un load factor del 63,5%, 25,5 punti in meno.

Perché i mercati domestici vanno meglio I mercato domestici continuano ad andare meglio rispetto al traffico internazionale, proprio perché non risentono delle limitazioni come le quarantene, che scoraggiano dal volare. «La ripresa della domanda internazionale è virtualmente non esistente e i mercati domestici in Australia e Giappone sono già tornati indietro alla luce delle nuove ondate e delle restrizioni ai voli», ha detto la Iata.

Il traffico internazionale In agosto il traffico internazionale passeggeri in tutto il mondo è diminuito dell’88,3% in confronto ad agosto 2019, con un modesto miglioramento rispetto al -91,8% di luglio. Il load factor medio è stato 48,7% (-37 punti). Per le compagnie europee il calo è stato -79,9%, migliorato rispetto al -87% di luglio, il load factor il 57,1% (-32,1 punti). «Tuttavia _ secondo la Iata _ dati sui voli più recenti indicano che questa tendenza si è rovesciata nell’ambito di un ritorno a lockdown e quarantene in alcuni mercati». In Nord America in agosto il calo è stato -92,4% (-94,4% in luglio), in Asia-Pacifico -95,9% (-96,2% in luglio).

Aumenta il traffico in Russia Nei mercati domestici il traffico in agosto è diminuito del 50,9% (-56,9% in luglio), con un «load factor» medio del 64,2% (21,5 punti in meno del 2019). La sorpresa è la Russia. Le compagnie russe hanno segnato un +3,8% dei passeggeri-km rispetto allo stesso mese del 2019, «il primo mercato a vedere un aumento annuale da quando è comparsa la pandemia». Secondo la Iata «la riduzione delle tariffe insieme a un boom nel turismo domestico sono tra le principali ragioni dello spostamento positivo». Il «load factor» delle compagnie russe è stato 86,4%, 4,6 punti in meno del 2019.

Nicola Venuto