Premi "Invio " per saltare al contenuto

c’è l’ipotesi 13 settembre – Corriere dell’Umbria



Roberto Nardone

02 agosto 2020

Giornata di previsite ieri al centro ippico Le Lame per i cavalli che disputeranno la prossima Giostra della Quintana. A dirigere le operazioni, come avviene ormai da venti anni, è stato il dottor Marco Pepe, uno dei massimi esperti del settore, presidente della commissione veterinaria che stabilisce quali sono i cavalli idonei per disputare la Giostra.

Un compito delicato e di responsabilità il loro, un appuntamento a cui i rioni devono presentarsi con i destrieri in perfetta salute, pena l’esclusione dalla competizione. A proposito di Giostra, l’ipotesi che ieri circolava tra gli addetti ai lavori tra un tondino e l’altro, è che l’Ente Quintana stia valutando di posticipare a domenica 13 settembre la Sfida a tutt’oggi in calendario per l’ultimo sabato di questo mese: le notizie che arrivano dal fronte contagi non sono rassicuranti, al contrario di quanto speravano i dirigenti della Quintana quando avevano indicato come possibile data per la Giostra quella del 29 agosto.

L’ultima parola, comunque, spetterà al direttivo convocato per giovedì prossimo e a cui prenderanno parte anche i priori dei 10 rioni. In quella sede verrà stabilita la data in cui si disputerà la Quintana della Sfida. Una decisione che dovrà tenere conto anche della condivisione del Comune e della Regione, cui spetta comunque il diritto di autorizzare o meno l’evento. Certo è che su tutto pesa e continuerà a pesare l’incognita del numero dei contagi nelle prossime settimane. A questo si aggiunge che, salvo deroghe specifiche, il numero degli spettatori ammessi a eventi dal vivo e all’aperto è fissato tutt’ora a mille. A palazzo Candiotti, sede della Quintana, sono fiduciosi che presentando un piano compatibile con le misure anti Covid si possa aumentare la platea del pubblico. Diverso è il discorso del Corteo storico che precede ogni edizione della Giostra: vista la situazione, l’ipotesi appare assai remota. Le taverne, invece, rispettando le misure previste per i ristoranti, potrebbero aprire nei giorni che anticipano la Quintana, come avvenuto in tutti gli anni.